IL VULCANO BROMO: LA GUIDA COMPLETA

La guida completa per organizzare la salita sul vulcano Bromo

La vista del vulcano Bromo,con il Batok e il Kursi e sullo sfondo il Semeru.
La vista del vulcano Bromo,con il Batok e il Kursi e sullo sfondo il Semeru.
COME ORGANIZZARE LA SALITA

 

La salita al vulcano Bromo non è difficile ed è alla portata di tutti. Ad ogni modo prima di partire per la vostra avventura, cercate di equipaggiarvi al meglio perchè non troverete molto in termini di strutture o servizi nella zona in cui andrete, quindi portate con voi tutto il denaro necessario per il tempo che pensate di trascorrere.

1. PREPARARE L’EQUIPAGGIAMENTO

L’equipaggiamento per salire sul vulcano Bromo è semplice e non richiede attrezzature particolari. In ogni caso nella vostra valigia non devono mancare: una torcia, un piccolo kit medico, una giacca a vento, scarpe da trekking o da ginnastica e calzini caldi, una felpa, un cappello e una sciarpa. Inoltre vi raccomando una scorta di snack e acqua a sufficienza. Se non volete appesantirvi, sappiate che alle pendici del vulcano è possibile noleggiare i giacconi e acquistare berretti e sciarpe di lana. Io ad esempio ho fatto così!
Se pensate di fermarvi poche ore, portate dei leggings o dei pantaloni con elastico in vita, facili e veloci da indossare per quando salirete sul vulcano e comodi da cambiare prima di scendere di nuovo a valle, perché all’improvviso sarete di nuovo immersi nel caldo afoso. Se avete poco tempo a disposizione, non fate l’errore di mettere jeans o pantaloni difficili da gestire su un autobus o in macchina.
Se viaggiate con i bambini, a maggior ragione equipaggiatevi di tutto il necessario per il loro comfort.

guida completa al vulcano Bromo
La torcia e gli imperdibili accessori con logo ‘Gunung Bromo’!

2. VALUTARE IL PERIODO MIGLIORE

È preferibile scegliere la stagione secca, le piogge e la nebbia possono impedire una visuale pulita e nitida del vulcano, il terreno può inoltre essere troppo scivoloso.
Per salire sul vulcano scegliete l’alba, durante il giorno è tutt’un’altra cosa. Gran parte della magia si perde. Molti scartano questa opzione perchè troppo affollata, io sostengo che ne valga comunque la pena.

3. PROGETTARE GLI SPOSTAMENTI

Questo è un punto molto importante e va valutato attentamente. Qui vi spiego passo dopo passo come districarvi nel migliore dei modi. Probolinggo e il piccolo villaggio di Cemoro Lawang sono le basi che prendo in considerazione come appoggio per partire alla scalata del vulcano Bromo. Volendo, potete fare base anche in altre città limitrofe come Malang.
Come punti di riferimento per raggiungere Probolinggo e Cemoro Lawang, vi segnalo le citta di Yogyakarta e Surabaya, raggiungibili facilmente in treno o aereo da Jakarta e da altre principali destinazioni.
La partenza per Bromo va programmata di prima mattina, a meno che non vogliate prendervela comoda e spezzare il viaggio con uno stop intermedio, per esempio a Surabaya.

I modi per arrivare a Cemoro Lawang sono svariati, tutto dipende dallo stile di viaggio che intendete affrontare, dal comfort che desiderate e dal budget che avete a disposizione.

  • Con un tour operator o un driver privato

Partiamo dal modo più comodo e semplice, ovvero con un driver privato o con un tour operator locale. Di solito i tour operator locali offrono pacchetti con inclusi il driver, il vitto e l’alloggio. Non dovrete preoccuparvi di nulla. Questa potrebbe essere una buona soluzione se viaggiate con i bambini. Il driver si può noleggiare sia sul posto a Yogyakarta e Surabaya oppure in anticipo, ad esempio contattando attraverso internet i tour operator locali come il Java Golden Tour, per farsi fare un preventivo e valutare l’itinerario proposto. A conti fatti potrebbe anche essere una soluzione conveniente, specialmente per chi ha poco tempo e desidera aggiungere anche la salita all’Ijen Crater.

  • Con un minibus

Un’opzione decisamente più economica, ma assolutamente più scomoda, in tutti i sensi, è il minibus. Per arrivare alle falde del vulcano Bromo, io ho scelto quest’alternativa. Ho prenotato un posto su un mini van Isuzu Elf da 14 posti in un’agenzia locale, trovata sulla strada principale di Yogyakarta e così sono arrivata alle falde del vulcano. Questa scelta, per quanto stancante, per il mio stile di viaggio in quel momento andava più che bene. Infatti avevo deciso di partire senza programmare nulla.
Il prezzo del trasporto fino a Cemoro Lawang è stato di circa Rp. 350,000 (più o meno 20 euro). Il viaggio è durato 10 ore fino alla città di Probolinggo, qui ci siamo fermati in un ufficio dove i passeggeri del minibus sono stati smistati e accompagnati in jeep nei vari alloggi disponibili, senza una reale possibilità di scelta e pagando più del dovuto a causa della mediazione forzata con l’agente. Io e il mio compagno di viaggio abbiamo deciso di prendere una casa da un privato sul posto, dopo aver negoziato il prezzo.

  • In treno

Volendo si può raggiungere il Bromo National Park in treno, ma questo comporta pazienza, un’ottima organizzazione alla base e occhi aperti per evitare truffe e altri spiacevoli trucchetti. Le opzioni che vi illustro sono due. Ci sono treni diretti per Probolinggo sia da Yogyakarta che da Surabaya.

Da Yogyakarta si parte dalle stazioni di Tugu o Lempuyangan e in 8/10 ore circa arriva alla stazione di Probolinggo. Il prezzo varia a seconda della tipologia di treno scelta e della classe (economy, business, executive). Volendo è possibile spezzare il tragitto in due, fermandosi allo stop intermedio di Surabaya distante circa 4/5 ore. Da Surabaya invece si parte dalla stazione di Gubeng e si arriva a Probolinggo in circa 2 ore. Le tipologie di treno e classe sono le stesse della tratta da Yogyakarta.

Per tutte le tratte che ho citato, è possibile prenotare il posto con anticipo sui portali di viaggio indonesiani come Tiket o Traveloka.

ARRIVO ALLA STAZIONE DI PROBOLINGGO – ATTENZIONE ALLE TRUFFE!

Una volta arrivati alla stazione di Probolinggo occorre prestare attenzione e procedere con cautela. Infatti in molti tenteranno di truffarvi. Se vi muovete in autonomia, una delle prime cose da fare, appena arrivati, è andare all’Ufficio del Turismo (Pusat Informasi Pariwisata – Kota Probolinggo), situato proprio di fronte alla stazione ferroviaria e aperto dalle 8:00 alle 16:00. Vi daranno informazioni imparziali e una cartina per orientarvi negli spostamenti con i prezzi dei mezzi di trasporto e una lista degli hotel. Questa è la cartina, se volete iniziare a farvi un’idea del percorso, i prezzi sono indicativi perchè vengono aggiornati costantemente ma non subiscono comunque variazioni eccessive:

guida completa al vulcano bromo
La cartina fornita dall’Ufficio del Turismo di Probolinggo

Come potete vedere dalle indicazioni riportate, una volta arrivati alla stazione dei treni occorre prendere un mini-van pubblico, chiamato angkot, che vi porti al terminal degli autobus Bayu Angga, da qui partono i bus ufficiali per Cemoro Lawang. L’angkot costa Rp. 5,000 ed è l’unica alternativa per raggiungere il terminal. Purtroppo spesso questi mezzi sono gestiti da persone senza scrupoli che una volta a bordo vi faranno pressioni per acquistare dei tour, sistemarvi in alloggi di parenti ecc. potrebbero perfino portarvi in un altro terminal falso. Prima di salire a bordo prendete nota del numero dell’angkot e dimostratevi sicuri del fatto vostro magari facendo intendere che qualcuno vi sta già aspettando al terminal dei bus.

IL TERMINAL DEI BUS BAYU ANGGA – ORIENTARSI NEL PARCHEGGIO

Una volta arrivati al terminal degli autobus, sarete assaliti da altre persone che cercheranno di vendervi i loro tour, a volte anche in maniera pesante. Ignorateli e cercate i pulmini locali di colore verde chiamati bison parcheggiati a pochi metri di distanza, presso il Depot Marinda in Jalan Raya Bromo. Potete fare uno screenshot su Google Map da portare con voi, prima di partire. L’affitto per un intero bison è di Rp. 450.000 per veicolo. L’importo è diviso in parti uguali a seconda del numero di passeggeri a bordo. Quando è al completo, costa circa Rp. 35.000 a persona per la sola andata. Se non volete aspettare altri viaggiatori o siete gli unici, dovrete pagare la differenza di prezzo.
La corsa fino a Cemoro Lawang dura un’ora e mezzo e una volta dentro questo minibus, i tentativi di appiopparvi qualcos’altro non si fermeranno: camere di albergo da cui gli autisti prendono una commissione, tour fatti dai conoscenti, pacchetti promozionali gestiti dai cugini, ristoranti con piatti tradizionali cucinati dalle bisnonne… voi restate impassibili e fate capire di aver già prenotato una camera presso una struttura. Qui sotto, vi lascio le indicazioni precise del terminal ufficiale degli autobus Bayu Angga e del punto esatto dove parcheggiano i bison autorizzati, annotatele con cura:

Depot Bayu Angga
Jalan Bromo,Triwing Lor,Kademangan
Probolinggo
Tel. +62 823-3282-4891

Depot Marinda
Jl. Bromo Km. 3
Probolinggo

4. SCEGLIERE L’ALLOGGIO ALLE PENDICI DEL VULCANO

Qualunque mezzo abbiate deciso di prendere, siete arrivati alle pendici del vulcano, nella fresca e ridente Cemoro Lawang a 2,217 metri sul livello del mare! Si respira già un’altra aria vero?
Qui ci sono diverse strutture molto basiche adibite al pernottamento dei turisti che visitano il vulcano Bromo. Io ho pernotatto in una casa privata in affitto ma ci sono anche diversi hotel e homestay. Se intendete fare il percorso a piedi, valutate la distanza dell’hotel dall’ingresso al Bromo National park e scegliete quelli più vicini. Ve ne segnalo alcuni disponibili sulla piattaforma Booking e testati dalla community di Viaggiare a Bali e in Indonesia

5. COME VISITARE IL BROMO NATIONAL PARK

Ormai ci siamo, quando sarete a due passi dalla bellissima visione del vulcano Bromo, dovete solo scegliere il mezzo che vi porterà da lui. Ci sono infatti diversi modi per visitare il parco.

  • In jeep

Il pacchetto jeep con biglietto di ingresso al parco incluso, si può acquistare presso un qualsiasi homestay o a Probolinggo, al prezzo indicativo di Rp. 300,000. Una jeep vi verrà a prendere presso il vostro alloggio alle 3 di notte, vi porterà su fino al Sunrise View Point 1, dove potrete assistere alla nascita del sole sul gruppo di vulcani, quindi vi accompagnerà nella caldera del Mare di Sabbia dove potrete scalare il vulcano Bromo fino alla bocca del cratere. Io ho optato per questa soluzione perché mi è sembrata quella con la visuale migliore. L’unico lato negativo è che ci si accoda a molti altri turisti che seguono lo stesso percorso.

guida completa al vulcano bromo
La corsa in jeep sul sentiero sterrato
  • A piedi

La torcia e una mappa sono d’obbligo se volete unirvi alle processioni di viaggiatori che salgono sul monte Bromo di notte a piedi. La salita dura due ore e deve iniziare almeno intorno alle 3,00 di mattina. Se vi dà fastidio la folla, questo percorso potrebbe fare al caso vostro. Avreste anche modo di scegliere il punto di osservazione che preferite fra i tre: il Sunrise Point 1 sul monte Penanjakan (dove sono stata io, il più bello secondo me ma anche quello più turistico), il Seruni Sunrise Point 2 (quello più in basso) e il Seruni Sunrise Point. Un’alternativa è partire dal villaggio di Wonokitri e da qui raggiungere il King Kong Hill Point e il Love Hill Point (Bukit Cinta).
Al punto di controllo del Parco Nazionale vi chiederanno il pagamento del biglietto di ingresso.

  • In moto

Se avete agilità nel muovervi su una moto, potete noleggiarne una per visitare il parco, il prezzo è naturalmente ridotto rispetto alla jeep. Oppure farvi trasportare in ojek (mototaxi), sicuramente divertente ma vi dico di prestare molta attenzione se fate questa scelta, perché potreste essere facile preda di truffe. Il guidatore di ojek potrebbe lasciarvi in posti isolati e chiedervi soldi extra per riportarvi indietro.

I motociclisti in attesa

6. VEDERE L’ALBA SUL VULCANO

Come vi ho anticipato, la vista dell’alba sul vulcano è piuttosto gettonata. Ricapitolando, i punti di osservazione sono tre: il Sunrise Point 1 sul monte Penanjakan, il Seruni Sunrise Point 2 e il Seruni Sunrise Point. Il punto panoramico che ho scelto io è il Sunrise Point 1 sul monte Penanjakan, ovvero il viewpoint più famoso (e sottolineo, più bello..) dove potreste trovare parecchi turisti. Nell’immagine qui sotto, vi svelo ciò che si cela davanti alle bellissime foto del vulcano Bromo che circolano sul web. Questo non toglie che la visuale sia comunque di grande impatto emotivo. Se poi avete tempo, vi consiglierei di restare in zona almeno un paio di giorni e di visitare i dintorni con più libertà e meno gente. Qui c’è l’esperienza della mia Alba sul Vulcano Bromo

La cortina di turisti davanti al vulcano

7. IL MARE DI SABBIA E LA SALITA AL CRATERE

Dopo la vista dell’alba sul vulcano, è possibile effettuare la salita al cratere attraverso il cosidetto mare di sabbia. Il mare di sabbia è una zona desertica che si è formata all’interno della caldera di un antico vulcano (il Tengger) da cui sono emersi i quattro nuovi coni vulcanici: il Bromo, il Batok, il Kursi e quello più alto e lontano il Semeru. Da questa distesa sabbiosa dunque si parte per la scalata, prima attraversando una lunga strada polverosa e poi inerpicandosi su una scala di pietra ricavata nel costone roccioso della montagna. E’ possibile fare il percorso completamente a piedi oppure arrivare all’inizio della scalinata in moto o sul dorso di un cavallino. Il prezzo del cavallino va pattuito prima e il pagamento effettuato al ritorno! Se vi muovete in modo indipendente, potete effettuare la visita al Bromo e la salita al cratere anche come attività separate, dividendole in due giorni diversi.

guida completa al vulcano bromo
La salita al cratere con la vista del mare di sabbia -©Courtney Balaz-Munn)

Una volta saliti sul bordo del cratere, per osservare l’incredibile paesaggio lunare che si apre ai vostri piedi è possibile passeggiare intorno al cratere mantenendovi vicini ai parapetti di sicurezza. A questo punto, la scalata al vulcano Bromo può dirsi compiuta con successo! Se volete saperne di più potete leggere il racconto personale dell’ Alba sul Vulcano Bromo con altre informazioni utili e la foto del cratere fumante!

La prossima tappa da qui potrebbe essere una visita alle grandiose cascate di Madakaripura oppure un’altra sfida: la scalata dell’ Ijen Crater.

 

Condividi questo articolo

VUOI CHIEDERMI ALTRE INFORMAZIONI, HAI DELLE CURIOSITA’ O VUOI SUGGERIRE QUALCHE AGGIORNAMENTO INTERESSANTE? SCRIVIMI PURE QUI NEI COMMENTI:

Lascia un commento

Ti aspetto su Instagram per altre foto dei miei viaggi in Indonesia!