IL SUD DI BALI

Canggu

Canggu -  ©R.Schneider
Canggu – ©R.Schneider
CANGGU

Canggu è un’area di confine. Un posto in cui la musica elettronica dei beach club si mescola con il canto del galli! Da un lato un’area emergente, pulsante e viva, internazionale e moderna e dall’altro un luogo ancora rurale, in cui non è difficile scorgere contadini al lavoro nei campi di riso, mandriani sporchi di fango, piccoli warung tenuti in piedi da bastoni di legno e copertura di rafia intrecciata. 

Nel suo ambiente rilassato e hipster si mescolano locali ed expat a bordo degli immancabili scooter. Le sue villette cartteristiche danno alloggio a centinaia di nomadi digitali da ogni parte del globo. Le lussureggianti risaie, che spuntano fra gli ostelli e i bar di design, sono lo sfondo di una realtà sempre più multiculturale, vibrante e all’avanguardia. Non vi nascondo che Canggu è uno dei miei posti preferiti di Bali! 

Canggu, io cammino in una stradina al limite delle risaie.
L’atmosfera rurale di Canggu

L’area di Canggu

Canggu è un piccolo villaggio sulla spiaggia ma il suo nome è usato per definire tutta l’area di costa che va dal villaggio di Berawa al villaggio di Cemagi (appena a sud del Tanah Lot) e include le spiagge di Batu Bolong, Echo Beach, Nelayan Beach, Pererenan Beach e Seseh Beach. Una serie di spiagge non balneabili e separate fra loro da costoni rocciosi, dove praticare surf o intrattenersi la sera.

Muoversi a Canggu

Il modo migliore per muoversi a Canggu è senza ombra di dubbio lo scooter. I marciapiedi sono stretti e  a volte inesistenti, le infrastrutture carenti, molte strade sono assolate e confinano solo con risaie e per muoversi da una spiaggia all’altra la linea stradale non è continua, ma prevede delle deviazioni nell’entroterra, con strette scorciatoie che metterebbero in difficoltà le auto. Per soggiornare in quest’area e avere comunque la possibilità di muoversi un minimo a piedi, scegliete le vie principali e più servite come Jalan Pantai Batu Bolong, che termina sulla spiaggia omonima. Leggete qui tutti i modi per muoversi a Bali, come fare la patente internazionale e noleggiare lo scooter: Muoversi in Indonesia

Canggu in scooter.
Rizky in scooter a Canggu
Canggu, le strade in scooter.
Le strade di Canggu
VEDERE E FARE A CANGGU

1. ALLOGGIARE IN UN SURFCAMP O UNA VILLETTA

Canggu è un surf spot di livello intermedio, in questa parte di costa è possibile trovare diversi surf camp che accolgono surfisti da ogni dove, proponendo anche incontri fra appassionati e lezioni di surf.

In alternativa ai surf camp, Canggu è la zona ideale per trovare diverse villette con affitti a breve termine, anche su portali come Airbnb. Io ho alloggiato in una villa nella zona di Seseh, un piccolo villaggio a ovest di Canggu e ho adorato questo piccolo angolo di Bali, fuori dal turismo di massa ma ad un passo dal divertimento e da tutto quello che può servire!

Se non siete iscritti ad Airbnb e volete saperene di più, vi regalo 25 euro di sconto sulla prima prenotazione: per ricevere lo sconto basta seguire questo link: SCONTO AIRBNB.

Canggu, villa in legno.
Villa tradizionale in legno a Seseh
Canggu, villa con piscina.
Lo stile boho di Canggu

Per chi vuole soggiornare in una villa a Canggu: 

Villa Sally

SCOPRI DI PIU’

Aradhana Villa

SCOPRI DI PIU’

Villa Sahaja

SCOPRI DI PIU’

Alcuni hotel di Canggu, da me selezionati: 

Dreamsea Canggu

SCOPRI DI PIU’

Boho Canggu

SCOPRI DI PIU’

The Slow

SCOPRI DI PIU’

2. CONCEDERSI UNA COLAZIONE SPECIALE

I locali, i ristoranti e i bar di Canggu sono famosi per la ricca proposta di colazioni e brunch. In generale, c’è una vasta scelta di piatti locali a un ottimo prezzo oppure di cucina occidentale, vegetariana o vegana, come i famosi fruit bowl o le insalate di avocado.
Ci sono inoltre diversi warung sulla spiaggia, molti con il wifi disponibile e il servizio di consegna a domicilio. Per citarvene alcuni fra i miei preferiti My Warung Casual Dining, il Betelnut Cafè, Crate Cafè e Milk & Madu (ideale anche con i bambini). Vi segnalo anche la gettonatissima ‘Floating Breakfast‘ de La Cabina, che propone brunch da assaporare su vassoi galleggianti in piscina!

Canggu, colazione di frutta tropicale mista.
Le nostre colazioni preferite di Canggu
Canggu, colazione in famiglia.
Colazione in famiglia a Seseh

3. RESPIRARE LA VITA QUOTIDIANA DEI VILLAGGI

Canggu offre la possibilità di osservare i ritmi quotidiani della vita di un villaggio balinese, interagire con i locali in modo più autentico, immergersi nella realtà dell’isola. Non di rado incontrerete i contadini che preparano i campi creando solchi, seminando e raccogliendo i frutti del lavoro, i pescatori all’opera, i flemmatici guardiani di mandrie di buoi e vitelli. In Nelayan Beach al mattino presto si possono osservare i pescatori mentre rientrano sui classici peschecci chiamati ‘jukungs’con le reti cariche di pesce fresco, i gamberi e le aragoste.

Proprio per il fatto che Canggu è caratterizzata da molte aree rurali, spesso irrigate, potrebbe sorgere il problema zanzare e insetti. Non dimenticate di portare con voi dei repellenti adeguati, date un’occhiata qui: Antizanzare per i tropici.

Canggu, risaia.
Le aree rurali di Canggu
Canggu, una risaia al tramonto.
Una risaia di Canggu al tramonto

4. PRENDERE LEZIONI DI CUCINA BALINESE

L’atmosfera di Canggu è rilassata, lasciatevi trasportare nel suo lento flusso e dedicatevi magari a delle lezioni di cucina locale tradizionale, in cui fare nuove amicizie e imparare nuovi piatti per organizzare una cena in stile balinese in Italia! Io al momento ho imparato molto bene solo la salsa sambal ma non demordo e confido nel futuro! E’ possibile scegliere e prenotare i corsi tramite il bellissimo portale Cookly, ecco i corsi che ho selezionato a Canggu e Seminyak: 

5. DEDICARSI AL SURF

Una delle anime di Canggu è la comunità di surfer che confluisce nelle sue spiagge da ogni parte del mondo. La zona di Canggu è infatti un famoso surf spot di livello intermedio. Alcuni dei migliori break sono: Pererenan Stairs, questo punto è uno dei meno affollati ma occorre prestare attenzione alle rocce radenti che affiorano dall’acqua (testato da mio fratello in persona che vi raccomanda cautela), Echo Beach, caratterizzato da surf spot misti da intermedi a pro, Batu Bolong con le sue onde lente e molto lunghe è adatto invece per i surfisti principianti, per questo è uno dei break più affollati, infine poco lontano l’Old Man’s, anche questo punto adatto per i principianti. Qui potete prendere lezioni di surf

Canggu, spiaggia di Batu Bolong.
Rizky sulla spiaggia di Batu Bolong
Canggu, surf in Batu Bolong.
Surfer nel break di Batu Bolong

6. MANGIARE UN BOCCONE IN RIVA ALL’OCEANO

Come già accennato, a Canggu le spiagge non sono balneabili, le acque dell’oceano sono molto agitate e le correnti forti. Detto questo, i momenti di pausa e intrattenimento che offrono questi posti sono comunque piuttosto invitanti. Fra le spiagge più frequentate e con più luoghi di ritrovo, ci sono indubbiamente Echo Beach e Batu Bolong, con i loro locali che hanno proposte di tutti i generi dagli aperitivi, ai pranzi, alle cene fino alle serate con dj set, per citarne alcuni: La Brisa, Echo Beach Club, il Finns e l’ Old Man’s

Canggu, pranzo con Lara e Stella.
In riva all’oceano con Lara e Stella
Canggu, Stella beve il latte di cocco
Stella con il suo latte di cocco
Canggu, Batu Bolong Beach.
Batu Bolong Beach
Canggu, locali sulla spiaggia.
I locali sulla spiaggia di Canggu

7. PASSEGGIARE NELLA SABBIA NERA

Seseh Beach è una tranquilla striscia di sabbia naturale di origine vulcanica nera come la pece situata a circa 9 km a est del tempio di Tanah Lot. Questa spiaggia è circondata da rocce scure e vegetazione selvaggia e si estende per circa 1 km lungo la costa occidentale di Bali. Venite qui per osservare un tramonto in tranquillità, senza folle di turisti che si accalcano sulla riva. Seseh è anche una delle principali destinazioni di pellegrinaggio per gli indù balinesi durante l’annuale cerimonia del Melasti. Per accedere a questa spiaggia entrate da Jalan Raya Seseh a Cemagi.

Canggu, ingresso a Seseh beach.
Ingresso alla spiaggia di Seseh
Canggu, la spiaggia nera di Seseh.
Le rocce brune
Canggu, Seseh Beach con la piccola Stella.
Rizky e Stella sulla spiaggia di Seseh
Canggu, tramonto nella spiaggia di Seseh.
I colori del tramonto

8. ASSISTERE AD ANTICHI RITUALI

Nel villaggio di Munggu, a circa 6 km a est del tempio di Tanah Lot, si svolge un rituale tradizionale di nome Mekotekan (o mekotek) che coincide con il giorno del Kuningan, un’osservazione indù balinese. Il giorno del Mekotekan vede centinaia di maschi adulti che camminano verso il tempio di Pura Dalem, tutti brandendo lunghi pali di bambù. Tutti i partecipanti del gruppo convergono i loro pali in un punto per formare una piramide. Il loro eroe si arrampica sulla sua cima traballante e compete contro un eroe di un gruppo diverso fino a quando una delle piramidi non cade a pezzi. Mekotekan è un rituale che celebra simbolicamente la vittoria della bontà (dharma) contro il male (adharma).

9. PRATICARE YOGA

L’atmosfera piena di pace di alcune aree, la vista dell’oceano e delle verdi risaie che si stagliano sulla linea dell’orizzonte sono la cornice ideale per pratciare la meditazione e lo yoga. A Canggu troverete diversi resort e guesthouse dove dedicarvi a queste discipline ed a uno stile di vita rivolto al benessere psico-fisico a 360 gradi. Delle oasi dove disconnettersi dalla routine e dallo stress. 
Fra questi vi consiglio l’Udara Bali Yoga Detox & Spa, Serenity Eco Guesthouse e Kalapa Boutique Resort & Yoga.

Canggu, yoga e meditazione.
Le atmosfere tranquille dei retreat

10. DARSI AL NOMADISMO DIGITALE

Il nomadismo digitale a Canggu è molto diffuso, si calcola che ci siano circa 5.000 professionisti che lavorano da remoto contemporaneamente. Questo per il suo costo della vita (in aumento ma ancora vantaggioso rispetto ad altri paesi), il buon clima, la connessione internet veloce, la sicurezza, l’ambiente vibrante, la possibilità di fare sport. Se avete un tipo di lavoro che ve lo permette o state ancora studiando, potete farci un pensierino. Consultate la sezione dei visti per capire come ottenre quelli di lunga durata: Visti per l’Indonesia. Per avere gli indirizzi dei migliori spazi di co-working, leggete invece l’articolo: Nomadi Digitali a Bali.

Gli hub per i nomadi digitali
Gli hub per i nomadi digitali

11. AMMIRARE IL TRAMONTO DAL TANAH LOT

Ultimo, ma non di minore importanza il famoso tempio marino Tanah Lot. Uno dei nove templi direzionali dell’isola, la cui silhouette scura al tramonto rimanda subito all’immaginario collettivo di Bali. Durante l’alta marea il tempio si erge come un isolotto in balia dei flutti dell’oceano, mentre quando la marea è bassa è collegato alla terraferma da una lingua di roccia brulla. Tanah Lot è una destinazione turistica estremamente popolare e l’intera area è spesso molto affollata, questo forse sminuisce un pò la magia ma vale assolutamente una visita.

Di fianco al Tanah Lot, non perdete la vista dell’incantevole Pura Batu Bolong , un tempio costruito su un arco naturale di roccia che si allunga con grazia nell’oceano indiano. Per dei bei tour in questa zona, vi segnalo l’agenzia locale Temu Tamu che ha guide in inglese e italiano: Temu tamu Bali

L’entrata al tempio è di Rp 60,000, il parcheggio Rp. 5,000 per veicolo.

Canggu, il tempio di Batu Bolong.
Il tempio di Batu Bolong

Costeggiando ancora il mare si arriva così nell’area di Tabanan, dove le luci e il chiasso si spengono sempre di più, l’atmosfera si fa più brulla e rarefatta, la sabbia diventa scura e granulosa, la visuale si apre verso la terra e i campi di riso. 

Questa zona che va verso ovest è ancora poco turistica e tutta da esplorare, ve ne parlerò in un altro capitolo. Adesso proseguiamo con il sud, sull’altro versante di costa: inoltriamoci verso la soleggiata baia di JIMBARAN e ULUWATU!



Booking.com

 

Benvenuti!

Mi chiamo Simona e viaggio in Indonesia dal 2010. Ho vissuto nelle isole di BaliJava. Sono una designer, appassionata di fotografia e buon cibo. Una delle cose che amo di più durante i miei viaggi è esplorare luoghi fuori dal sentiero battuto e immergermi nella cultura locale. 

LEGGI LA MIA STORIA

 

Altri Articoli

 

 

Condividi questo articolo

VUOI CHIEDERMI ALTRE INFORMAZIONI, HAI DELLE CURIOSITA’ O VUOI SUGGERIRE QUALCHE AGGIORNAMENTO INTERESSANTE? SCRIVIMI PURE QUI NEI COMMENTI:

Lascia un commento

Ti aspetto su Instagram per altre foto dei miei viaggi in Indonesia!